Vi presentiamo The Pathway of Love, il primo inedito della cantante di origine cattolicese Valentina Pennino
Condividi questo post

Si tratta del primo lavoro inedito dell’artista di origine cattolicese che viene presentato su tutte le piattaforme musicali online.

“L’ho scritto io un po’ di anni fa. Mi sono ispirata al primo attacco terroristico a Parigi. Comunque è un brano universale che vuole portare speranza e che fa capire che apparteniamo tutti a questa terra e veniamo da una sola luce.
L’ho scritta io, testo e musica contemporaneamente in poco più di mezz’ora, ma poi ci è voluta una spinta per farmela incidere come si deve. Dovrebbe essere uscita anche su altre piattaforme online, ma ancora non so bene quali siano, perché è tutto nuovo e fresco.
Un secondo brano più rock è già pronto per essere lanciato…

ASCOLTA IL BRANO —– >>>>> clicca qui

Valentina Pennino, classe 1981 è nata a Mannheim in Germania. Papà Antonino, cattolicese, e mamma Erika, tedesca, risiedono in Germania ma periodicamente trascorrono molto del loro tempo a Cattolica Eraclea. Valentina, Soprano doc, si è laureata (Master) in canto lirico con il massimo dei voti presso l’Università Mozarteum a Salisburgo in Austria (2006) sotto la guida di Lilian Sukis; si è perfezionata con Tom Krause, Luciana D’Intino, Robert Holl, Peter Berne, Robert McIver e Barbara Schlick.
Ha vinto i concorsi di Jugend Musiziert a Lipsia (1997), Kiwanis a Mannheim (1999), Takasaki Music Competition in Giappone (1999), il 3° premio al Concorso di Operetta a Cracovia (2006), il 2° premio nella sezione “Camera e Barocco” e il 2° premio nella sezione “Opera” al Concorso Internazionale Opera Rinata (2009).
È stata borsista della fondazione di Yehudi Menuhin Live Music Now (2003-2006).
Debutti: Belinda (Dido und Aeneas), Livietta (Livietta e Tracollo), Vespina (L’Infedeltà delusa), Barbarina (Le Nozze di Figaro), Zerlina (Don Giovanni), Papagena (Die Zauberflöte), Blonde (Die Entführung aus dem Serail), Ännchen (Der Freischütz), Carmina Burana, Exsultate Jubilate. Ha cantato in Italia, Francia, Giappone, Austria, Polonia e Germania – all’Opera di Berlino “Unter den Linden”, Filarmonica di Ljubljana, Teatro e Opera da camera a Cracovia, Filarmonica Rzeszow, Teatro Nazionale a Varsavia, Teatro Polacco a Varsavia, Teatro Nazionale a Praga, Teatro Heidenheim sotto la direzione di Martin Gester, Marco-Maria Canonica, Rafael Sommer, Tadeusz Wicherek, Hans-Jürgen Schnoor e J. Wallnig.
Nel 2000 Valentina Pennino ha cantato a fianco di Jonas Kaufmann a un concerto di beneficenza per l’India con la Filarmonica di Francoforte.
Attiva in campo contemporaneo, ha cantato nell’opera “Orfée” di Philipp Glass a Salisburgo (2004), debuttando in Slovenia e a Trieste con della musica da camera di Jakub Jez (2005), è stata scelta come solista soprano dal compositore polacco Hadrian Filip Tabecki che ha scritto le parti da soprano dei suoi oratori per lei e recentemente è stata invitata dall’organizzazione polacca “Aureaporta” a partecipare al primo Festival dedicato alle opere del compositore polacco Boguslaw Schaeffer “Era Schaeffera” a Cracovia e Varsavia (novembre 2009) come cantante lirica e attrice ed è stata invitata per la stessa produzione dal Festival Fringe a Edinburgo in agosto 2010.
Ha formato anche un duo da camera con la clavicembalista Malgorzata Sarbak basandosi sul repertorio di cantate continuo di Vivaldi, Strozzi, Carissimi e Händel.
Valentina Pennino parla correntemente cinque lingue: italiano, tedesco, inglese, francese e polacco.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.