Condividi questo post

Il 24 maggio del 1610 nasce ufficialmente “la Cattolica” in seguito all’approvazione della Licentia Populandi, concessa a Blasco Isfar et Corillas dal viceré Duca di Escalona.
Blasco, ideatore e fondatore, chiese il permesso di poter chiamare il nuovo paese Cattolica, per attirarsi la simpatia della “Maestà Cattolica” e nello stesso tempo per sottolineare l’impegno di adoperarsi a cancellare definitivamente dal territorio le ultime tracce di insediamenti urbani delle comunità saracene che erano di fede musulmana.
Nell’anno 1611 Blasco donò al figlio Francesco la terra di Cattolica, e nell’anno 1612 arrivò la definitiva approvazione del Re di Spagna Filippo III e quindi fu sancita e ufficializzata la nascita di Cattolica. Nello stesso anno venne eretta a baronia. Nel 1615 Filippo III elevò a ducato la baronia di Cattolica conferendo il titolo di duca a Blasco, poichè il figlio Francesco era morto nel 1614. Successivamente il titolo di duchessa fu ereditato dalla figlia Giovanna, la quale fu nominata principessa nel 1620.

Durante i primi secoli di vita, il territorio di Cattolica cominciò ad ingrandirsi sia in estensione che come numero di abitanti. La Signoria di Cattolica, a seguito del matrimonio di Giovanna, figlia di Blasco con Vincenzo Del Bosco, duca di Misilmeri, passò prima ai Del Bosco, e poi ai Bonanno.
Il 9 aprile 1874 con deliberazione del consiglio comunale e successivo regio decreto n. 1953 del re d’Italia Vittorio Emanuele II, datato 31 maggio 1874, al nome di Cattolica venne aggiunto quello di Eraclea.
Durante il primo secolo di vita a Cattolica cominciarono a trasferirsi contadini, pastori ed artigiani, provenienti dai paesi vicini, che contribuirono ad aumentare la popolazione.
Sotto il principato di Francesco del Bosco furono istituite diverse Congregazioni che avevano il compito di amministrare lasciti, donazioni e curare gli affari della Chiesa.

Nel 1600 si cominciò ad estrarre sale dalla miniera di salgemma sita in contrada Salina. Tra il 1650 e il 1663 un gruppo di pari gesuiti si fecero promotori di trasferire il calvario dalla zona detta “Signore dimenticato” all’attuale sito del colle San Calogero. Gli stessi Gesuiti si fecero promotori anche dell’organizzazione delle sacre funzioni del Venerdi Santo, in seguito affiancati dalla Confraternita delle Sacre Piaghe di Gesù fondata nel1675.
Nel 1700 si ebbe un grande fervore religioso con la fondazione di numerose chiese, tra le quali la Chiesa Madre dello Spirito Santo ed in particolare il Collegio di Maria istituito dalla principessa Giovanna Isfar all’interno della casa baronale, che aveva il compito di accogliere i bambini trovatelli e provvedere alla loro istruzione.
La popolazione continuò ad aumentare. Il paese si incrementò di nuova forza umana formata da artigiani, agricoltori e commercianti. Si iniziarono a costruire le prime abitazioni sfruttando le risorse locali quali le cave di pietra e di gesso.
Il 1800 fu caratterizzato da una serie di rivolte.

Le condizioni economiche e sociali del paese erano sull’orlo del collasso. La popolazione contava circa 5000 abitanti e le risorse economiche erano insufficienti a poter soddisfare le necessità della gente. L’oppressione dei baroni veniva esercitata con prepotenza creando malcontento generale tra la popolazione. Furono raddoppiate le tasse sul macinato e sui poderi ed il salario era molto basso. Tutti questi elementi portarono la gente all’esasperazione e di conseguenza furono organizzate diverse rivolte che sfociarono anche nel sangue. I popolani assaltarono il palazzo comunale e vennero bruciati tutti i registri delle tasse. La reazione da parte delle autorità fu spietata. Tutti i rivoltosi che parteciparono alla sommossa vennero catturati e rinchiusi in prigione.

Agli inizi del 1900 il paese era amministrato da esponenti dell’aristocrazia locale. Ma ben presto gran parte del ceto medio-borghese riuscì a spezzare il monopolio del potere, risvegliando la coscienza del popolo e quindi cominciò ad affermarsi il ceto dei cosiddetti “Burgisi”. Diversi contadini cominciarono ad acquistare direttamente piccoli appezzamenti di terreni da coltivare, sufficienti per provvedere al mantenimento della propria famiglia.
Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale privò il paese della maggiore parte della gioventù recando danno all’economia del paese.
Durante il ventennio fascista furono costruite diverse opere di pubblica utilità tra le quali il serbatoio idrico, la rete fognaria, la G.I.L., e venne anche migliorata la viabilità interna e alcune strade di periferia.

La caduta del regime fascista, l’entrata in paese degli americani il 18 luglio del 1943 e la fine della Seconda Guerra Mondiale, lasciarono in paese un quadro allarmante di miseria e crisi sociale della popolazione. Sul finire degli anni 40 Cattolica vide nascere un particolare fermento politico e culturale con la costituzione dei primi partiti politici, da un lato di ispirazione cattolica e dall’altro quelli di indirizzo social-comunista. Le due fazioni politiche nel marzo del 1946 diedero vita alle prime elezioni comunali che si svolsero in un clima dai toni aspri e duri.

Dopo lo svolgimento delle prime elezioni politiche, il popolo cominciò a chiedere i propri diritti. Si costituirono le prime cooperative agricole formate da contadini, i quali iniziarono a manifestare segni di insofferenza e malessere contro i latifondisti chiedendo l’espropriazione delle terre da coltivare e la divisione dei grandi feudi. Furono organizzate diverse manifestazioni di protesta contro gli agrari, le cosiddette “cavalcate”. La proteste dei contadini si fece più incessante, i più esagitati assaltarono il palazzo del marchese, dove i contadini distrussero mobili e suppellettili del palazzo. Diversi manifestanti furono arresati e condannati. La lotta per la conquista delle terre fu dura e si registrarono anche attentati e uccisioni.
A partire dagli anni 50 cominciò il triste fenomeno dell’emigrazione verso il Canada e gli Stati Uniti d’America che fece diminuire fortemente il numero della popolazione. Successivamente l’esodo si indirizzo verso il Nord Italia e la Germania.

3 Responses to "Quanto ne sai di Cattolica Eraclea? Ecco un po di storia"

  1. Joseph Scalia  22/04/2018

    I left cattolica at the age of 10 with my entire family mother ,father one suster and 2 brothers maria,ignazio and petro my father was mico and my mother mica we lived in via ururpi . We left 1960. I never returned. I had very good memories of cattolica the streets seamed bigger that i noti e on videos . The beatiful wheat fields in the spring on a slight windy day looked like wavey green sea and in the summer a field of gold. I remember my friends we got along well played all kinds of games without expensive I padss or cell phones. Wd played imazzoli,hide and seak we made our owen go carts ,played with bicycle rims(circu) we learned survival on our own at an early age once you went out of the town you could survive on anything oranges ,apples,almonds greenand mature favi,brusciaredru etc. We even made our own bow and arrow with broken umbellas. Even though i considered myself a millioner if I had 50 lira, it was not too bad for me.

  2. giuseppe lucia  10/04/2015

    A Cattolica Eracle ci so nato o passato la mia infanzia. o fatto la scuole elementari . . la mia prima Comunione .. e Cresima nel1956 … nel lontano 1958 ho lasciato l colla mia modesta famiglia… Vivere altrove .. per una vita migliore.. . La fame la prendevamo apugni.
    Vivere in un paese. dove ci stava labbondanza . epogressi econimiche . Ci sono ritornato 3 volte
    ho notato nessun cambiamento economico. la gente nonsono soddisfatti .. delle politici ,la mala
    amministrazione . sono tutti peggio dell’altro.. Un a Cattolica senza futuro . per i giovani. e meno giovani.. . Una volta faceva 14 mila habitanti. oggi sono rimasti 4 gatti …
    I Cattolicesi vive meglio all’estero.. . …………………………….giuseppe lucia .. da montreal.

  3. Osvaldo sciascia  25/04/2013

    E’ grazie alle politiche siciliane, restarono quattro gatti, e se continua cosi andiamo tutti via e se l’amministrano da soli “Cattolica”parum comedens.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.