Prosegue a Cattolica Eraclea la raccolta di oggetti antichi, utensili, attrezzature di un tempo utilizzate nei lavori tipici che costituivano le principali attività economiche di Cattolica Eraclea. Il coordinatore dell’iniziativa prof. Baldo Gurreri rinnova l’appello a tutti i cittadini, invitandoli a contribuire alla creazione di un Museo delle civiltà scomparse. Chiunque volesse partecipare può rivolgersi a Lorenzo Gurreri, Baldo Gurreri, Franco Mangiapane, Domenico Maria Miliziano, Alessandro Maria Miliziano, Alessandro Cammalleri , Giuseppe Terrasi e Saverio Alfano.
Centinaia i reperti finora raccolti, tre le sezioni museali finora previste: una dedicata all’artigianato, un’altra all’agricoltura e una agli oggetti casalinghi. Tra i pezzi forti un mulino per la produzione di pasta, donato dalla signora Scalia, una nostra concittadina emigrata in Francia.
S’invita chiunque abbia a cuore l’iniziativa a voler partecipare alla raccolta del materiale, al fine di potere al più presto (periodo di Pasqua) inaugurare il Museo delle Attività Scomparse.
Si pregano gli amici e i lettori di condividere e diffondere il presente messaggio. Grazie di cuore a tutti quelli che lo faranno.