Condividi questo post

navigatore-satellitare
Continua la persecuzione diabolico-mediatica. Ultimamente mi è capitato di entrare in un negozio di telefonia e di sentir dire da un anziano che il suo navigatore satellitare non funzionava più. Gesù, un navigatore satellitare per orientarsi dal suo piccolo paese tra i monti dell’agrigentino alle vicine campagne, praticamente il solo percorso di tutta una vita.

Facendo sforzo di una virtù che non pratico molto, la carità, ho pensato che gli anziani in fondo sono delle persone ostinate, difficile scalfirne le consuetudini, sono quelli che adorano la rozza chincaglieria, e se i ragazzi di domani non crescono completamente idioti, il merito è soprattutto loro. Eppure, quella scena era tutta una nostalgia: per i vecchi seduti ai tavolini al bar, per le braghe corte, per le gite in pullman, sola misura dell’uomo, per i buoni consigli, per i migliori esempi.
Come mai adesso tutto va a rovescio? San Tommaso, mi rivolgo a te.

Nella Summa Theologiae hai dimostrato quanto i veri pericoli provengano dallo spirituale e non dal carnale; in pratica dicevi che l’anima è insaziabile e quindi potenzialmente molto più pericolosa del corpo, che non è poi così difficile appagare.
Contro il disfattismo senile di massa, per l’occasione, invita bambini e ragazzini a disimparare: orientarsi nelle strade con il tom tom, significa perdersi nella vita.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.