È davvero tardi ormai e tu sicuramente dormi:
chissà se stai sognando me.

M’è testimone questo letto di questa mia amorosa insonnia: non riesco proprio a prender sonno.
Ho ancora impresso nella mente la tua espressione assonnata,
trasognante in virtù delle mie parole ma con l’indulgenza dell’ora tarda.

Mi son nutrito dei tuoi sguardi, dei tuoi occhi lucidi,
dissetando la mia sete d’Amore asciugando tue lacrime,
scandendo le mie giornate al ritmo dei tuoi sorrisi,
tra i tuoi mille “perché” sempre più particolari e strani.

No, non sai quanto ho desiderato abbracciarti,
librarmi sopra il tuo cuore con le ali della fantasia e dell’Amore:
più non tace l’anima mia adesso che ci sei, ma parla di te, di me, di noi;
sussurra a voce alta quelle parole che ieri non ti dissi, ma che oggi tu sai

Ho ripreso a lottare perché io non sia più io,
ma solo me stesso così stretto intimamente a te,
uniti come due note unite accordate sullo spartito della vita…

Domani è già oggi, questo futuro costruito da piccole tracce di matita,
per costruire quello che ancora non c’è e che spero presto sarà,
perché nulla può distruggere quel che l’Amore vero ha stabilito, sin dall’ eternità!

È davvero tardi ormai e vorrei che questa notte finisse presto,
per poterti riabbracciare, sfiorare i tuoi occhi baciati dal Sole del mattino e sentirti vicina…