L’Oleolito d’Iperico prodotto dall’Associazione SA.GA.CE di Cattolica Eraclea, proprietà e benefici
Condividi questo post

 

 

E’ nata nel 2012 a Cattolica Eraclea l’associazione onlus SA.GA.CE (Sapori Antico Giardino dell’Aloe Cattolica Eraclea) che si propone di creare e diffondere una cultura delle piante aromatiche che nell’antichità venivano utilizzate come curative. Su tutte l’Aloe, una pianta che è sempre cresciuta spontaneamente sul territoriuo cattolicese e che negli ultimi tempi si stanno riscoprendo le sue infinite proprietà curative, depurative e salutiste.

Un’altra novità prodotta dall’associazione presieduta da Piero Casola, infermiere con la passione delle erbe aromatico-officinali,   è l’OLEOLITO d’IPERICO, preparato artigianalmente fin dalla raccolta del fiore selvatico che avviene in contrada Mortilla. 

L’olio di iperico, detto Olio di San Giovanni o anche Olio Rosso ottenuto dai fiori freschi di Iperico e olio extravergine di oliva, è impiegato fin dall’antichità per le sue proprietà cicatrizzanti ed emollienti, capaci di stimolare la rigenerazione cellulare. Per questo  motivo è usato da sempre contro le ustioni, l’eritema solare, in caso di macchie della pelle, psoriasi, secchezza della cute del viso e del corpo, invecchiamento cutaneo, piaghe da decubito, smagliature, cicatrici, e segni provocati dall’acne.

Di questa preparazione si potrebbe dire che è un vero trattamento di salute, e probabilmente uno dei prodotti antirughe e anti-invecchiamento più potenti ed efficaci che esista in natura. Inoltre possiede un’azione analgesica sui dolori articolari.

 

Descrizione della pianta

(Hypericum perforatum)

Molto comune nei terreni asciutti, lungo i margini delle strade, ai bordi di campi e nelle radure, cresce fino a 1600 m d’altitudine, la pianta con corto rizoma e fusto eretto (1 m.), legnoso e ramificato. Le foglie sono opposte ovali o oblunghe, picchiettate di minuscole ghiandole trasparenti (contenenti l’olio essenziale) che in controluce assomigliano a forellini e gli conferiscono l’appellativo “perforato”. I fiori, di colore giallo intenso, sono riuniti in una sorta di corimbo, compaiono in estate; se stropicciati colorano la pelle di rosso. Tutta la pianta emana un odore gradevole.

 

Per saperne contattate Piero Casola cell. 320 670 7753

  • CONAD
  • BAR MODERNO
  • baglio

Leave a Reply

Your email address will not be published.