Ancora,dopo diversi giorni, mi sento dire da qualche amico di avere mischiato il mio NO al referendum con quello di altri elettori che, politicamente ho sempre avversato: Io, che penso di conoscere discretamente la nostra Costituzione, ho votato perchè non lai stravolgessero, non l’ annacquassero e per scongiurare che per i capricci di qualcuno diventasse una carta modificabile a piacimento e a seconda delle aspettative elettoralistiche: So bene che hanno votato NO elettori e personaggi che mai hanno amato la nostra Carta, anzi, spesso hanno tentato anch’essi di stravolgerne il senso e i valori in Essa indicati, ma, in un referendum si vota guardando alla propria convinzione ed alla propria coscienza: Se i promotori ad ogni costo, avessero avuto più lungimiranza, meno arroganza, ed un termometro che gli indicasse meglio la temperatura del Paese, avrebbero sicuramente evitato una sconfitta cosi enorme ed amara: La nostra Costituzione, a prescindere dalle giravolte di Benigni, rimane la più bella del mondo, se cambiarne qualche particina si rende necessario, è corretto che si faccia in Parlamento e con il quorum previsto, che,se, dovesse essere abbondantemente superato sarebbe ancora meglio.: Io, votando NO, volevo dire questo, e d’ora in avanti, quelli che lo abbiano fatto per motivi diversi dal mio, ritorneranno ad essere miei avversari politici, perchè con la Costituzione non si SCHERZA !: