LA PRIMA DONNA CHE GOVERNÒ CATTOLICA
( lorenzogurreri.blogspot.it)

La fondazione e lo sviluppo del comune di Cattolica Eraclea sono dovuti in gran parte all’intelligenza e fattività di una donna, profondamente cattolica. Cosa ci riserva il futuro? Dopo quattro secoli di vita può una donna reggere le sorti del nostro Comune? La principessa Giovanna Isfar Corilles, Del Bosco può essere d’esempio alle altre donne?
Ripercorriamo le tappe che hanno portato Giovanna ad ingrandire il paese ed erigere le principali chiese.
Il primo ottobre del 1616, alla morte del padre Blasco Isfar, il titolo di duchessa fu ereditato da Giovanna Isfar et Corilles, la quale si era sposata nel 1609 con Don Vincenzo Del Bosco, Duca di Misilmeri, primo Conte di Vicari, Barone di Prizzi e Palazzo Adriano, Straticoto di Messina, Cavaliere del Toson D’oro, Pretore di Palermo (1652-1654) e uno dei dodici Pari del Regno.
La duchessa, collaborata dal marito, dal cappellano segreto don Vincenzo Ingraudo, dal notaio Raffaele Pontorno e dagli altri giurati della Terra della Cattolica, diede nuovo impulso all’immigrazione di coloni e al sorgere di nuove costruzioni. Completò le opere iniziate dal padre (tra cui la chiesa intitolata allo Spirito Santo) e dal fratello, e avviò la costruzione di nuove chiese. Il marito, preso dai propri impegni derivatigli dalle cariche ricoperte a Palermo e Misilmeri, diede poco aiuto alla consorte nell’amministrare il novello ducato, che per concessione di Filippo III l’8 agosto 1620 fu elevato a principa¬to. Giovanna fu nominata principessa per aver ben meritato nell’opera d’organizzazione e urbanizzazione del novello comune, che in pochi anni si era arricchito di chiese, un’ampia piazza e strade diritte e larghe.
La piazza si estendeva su un pianoro sufficientemente ampio, dai lati e dal centro di essa si dipartivano quattro strade con direzione Est-Ovest che delimitavano gli assi principali dello sviluppo urbanistico. Nella direzione Nord-Sud, invece, si avevano due ampie strade di lunghezza pari ai lati esterni più lunghi della piazza.
La principessa Giovanna abitava a Palermo nel palazzo Bosco di proprietà del marito. Per un lungo periodo soggiornò a Cattolica nella casa baronale (odierna Biblioteca Comunale) e trovò in don Vincen¬zo Ingraudo, primo parroco, facente funzioni d’arciprete, originario di Montallegro, un validissimo soste¬gno. Dal 1616 al 1630 furono ultimate o costruite ben cinque chiese: Madonna della Pietà, Madonna delle Grazie, Sant’Antonio Abate, Sant’Isidoro e Maria Santissima della Mercede (dedicata all’Immacolata Concezione Madre di Dio). La costruzione di quest’ultima chiesa, iniziata nel 1614, era stata affidata dal barone di Cattolica a fra’ Miguel delle Piaghe, famoso predicatore del tempo. In seguito alla morte di Blasco, la costruzione della chiesa era stata interrotta da don Vincenzo Del Bosco, il quale non intendeva onorare l’oneroso impegno, preso dal suocero con fra’ Miguel, di versare la somma di 500 ducati annuali.
Con la sua morte cessò tutto, perché la figlia che lo succedette si sposò con don Vincenzo Bosco, duca di Misilmeri, e non solo non stette ai patti descritti nel testamento del padre, ma si oppose, non tenendo conto che suo padre l’aveva preferita come erede. I Giudici accettarono che la figlia fosse dichiarata erede al posto del figlio maschio legittimo. La Signora smise di pagare la rendita per molto tempo e impedì al Duca suo marito di proseguire l’opera che il suocero aveva cominciato.
Negli anni seguenti si arrivò a un compromesso e la principessa Giovanna onorò la promessa fatta dal padre, donando ai frati scalzi quanto promesso. In questo modo negli anni 1630-1636 fu portata a termine la costruzione della chiesa dedicata alla Madonna della Mercede, dove fu tumulata la salma di Francesco. Questo fatto è stato riferito anche da don Giuseppe Castronovo:
Un altro convento con l’annessa chiesa fondò nel 1630 la Principessa Giovanna, il convento cioè di Maria SS. Della Mercede, assegnandogli dei beni: case e giardini dell’Ingastone, terre dell’Alvano, fra le quali quelle della Salina, terre della Mortilla, della Piana e del territorio di Montallegro. Erano nel convento sei padri e due fratelli laici.
Nel 1635 fu fondata la Congregazione di Maria SS.ma del Rosario, che aveva il compito di collaborare col parroco e provvedere alle spese della chiesa.

dal sito lorenzogurreri.blogspot.it