La necropoli rupestre di Branda
Condividi questo post

Nel territorio compreso tra Siculiana, Cattolica Eraclea ed Agrigento, subito dopo la zona di Matarana, troviamo la necropoli rupestre di Branda. In questo luogo si respira il profumo della storia: un posto meraviglioso in cui è possibile osservare un’interessantissima necropoli rupestre e un paesaggio mozzafiato. Tra i contadini e i pastori del posto si rileva una particolare denominazione del toponimo: ” u Tempiu”. Si sa che la storia spesso tende a cancellare i tratti culturali tipici di determinate civiltà.

Tuttavia i toponimi cristallizzano nel tempo significati molto profondi, capaci di identificare elementi culturali che la storia spesso cancella. Si potrebbe affermare che in prossimità della necropoli di Branda vi si trovava, forse, un’area sacra e votiva. A questa ipotesi è possibile apportare una duplice motivazione a sostegno. La prima motivazione va rintracciata nel significato profondo del toponimo che, la tradizione orale del posto, identifica come ” un Tempiu”. L’altra motivazione riguarda invece l’osservazione diretta sul campo: sono infatti presenti, in prossimità della necropoli, numerosissimi blocchi di pietra intagliati e spesso incisi. Va comunque evidenziato il fatto che gli studi sulla necropoli di Branda sono pochi e frammentari, pertanto sarebbe arduo ipotizzare una corretta datazione del sito e in ogni caso, qualunque teoria dovrebbe essere supportata da dati scientifici.

Ringraziamo Stefano Siracusa e #MeTe Museo della Memoria e del Territorio www.metesiculiana.org
per averci concesso la pubblicazione del post

SOSTENITORI

  • 2G
  • bellevue
  • cento passi
  • gambino
  • al casale
  • BAR MODERNO
  • sajeva
  • terra nostra
  • CONAD
  • piro
  • floreal
  • baglio
  • MAGAZZU
  • argento
  • pennino
  • BAGLIU
  • servii postali

Leave a Reply

Your email address will not be published.