Condividi questo post

dal libro ” POETI POPOLARI DI CATTOLICA ERACLEA” di Lorenzo Gurreri

E’ nato a Cattolica Eraclea il 13 novembre 1948, da Rosario e Rosa Gurreri. E’sempre vissuto nel paese natio, allontanandosi solo per brevi periodi di studio. Da bambino era stato avviato dal padre ad imparare il mestiere di sarto presso uno zio (da 10 a 13 anni). In seguito manifestò al padre vivo desiderio di studiare, tanto da convincerlo a superare le difficoltà economiche ed avviarlo agli studi contemporaneamente al fratello Lorenzo. Dopo la scuola media di Cattolica Eraclea, frequentò il liceo classico di Sciacca prima ed Agrigento poi.

Presso l’università dì Palermo ha conseguito la laurea in storia e filosofìa. Dopo avere insegnato, in qualità di precario, in Istituti superiori e scuole medie varie, è entrato nel ruolo degli insegnanti elementari.
Alla passione per la poesia ha sempre unito quella per il teatro dialettale siciliano. Egli ha scritto alcune commedie che sono state rappresentate con successo. Eccone alcuni titoli: Calati Juncu…, L’Onorevole Peppino Sparapalle (pubbicati), Il sabato non paga, Omaggio a Pirandello, I Gaddruza di donna Brasa, Una storia semplice(pastorale dialettale), Il vecchietto (dove lo metto?), La Leggenda di Eraclea., Bisogni e risorse del nostro teritorio (opera storico- ricognitiva completata da foto d’archivio e attuali, pubblicata), Tutta colpa del viagra!…

Attualmente insegna all’Istituto Ezio Contino di Cattolica Eraclea.

A CATTOLICA ERACLEA

Un giru di muntagni a mezzaluna
Ti sta a curuna comu ‘na rigina.
Misa tra un pinninu e ‘na chianura
Fa’ bellu sfoggiu di sciuri e verdura.
Occhi belli sunnu li to chiazzi
E strati, campagni e cuntrati

Sunnu l’allammicu di li spatriati
‘U Platani, di ‘sti vesti gentili,
è un cintu sciotu chi si posa a mari
unni lu suli ruscianu tracoddra
comu viscottu ca nall’acqua s’ammoddra..

Ma la to genti ti lassà suliddra,
li meglio figli su’ spatrii luntanu,
ccà ristamu tanti adduttrinati:
iudici poviri e puliticanti
cu la saggizza luntana di la menti!..
Sporti vacanti e pulitica baggiana
Sunnu la cultura di ‘sta genti strana…

Accussì campami e n’allisciamu a panza,
vidennu ‘u suli c’agghiorna e scura
affaccia di l’Arbanu e tracoddra a Banura…

Ma’ ta scusari di ‘stu parlari duru,
nun vogliu fari di tutta n’erba un fasciu,
ancora c’è qualche bonu vinturu,
quarchi testa fina la canusciu,
ca a Catolica sapi dari anuri
e quarchi scintilleddra di splenduri!

SOSTENITORI

  • emporium
  • al casale
  • argento
  • servii postali
  • cento passi
  • BAR MODERNO
  • pennino
  • BAGLIU
  • sajeva
  • baglio
  • creazioni
  • sapori
  • terra nostra
  • piro

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.