I bar di Cattolica aumentano i prezzi. I nove locali hanno deciso in maniera concorde di aumentare i prezzi dei servizi fondamentali della caffetteria, gelateria e servizio bevande: dal primo luglio, infatti, il costo del caffè è passato da 70 centesimi a euro 0,80, la brioche con gelato da € 1.50 a 2 euro e via discorrendo.

Semprerebbe un vero e proprio cartello, visto che i titolari dei bar hanno aumentato i prezzi tutti nello stesso giorno e in egual misura, violando le norme sulla libera concorrenza.

“Un ritocco – spiegano i gestori – che a malincuore è stato deciso per stare al passo coi tempi e soprattutto per continuare a garantire la qualità del servizio reso al cliente. Una decisione collegiale che è maturata per il continuo aumento delle materie prime e per i costi di gestione che negli ultimi tempi sono cresciuti in modo esponenziale: contributi INPS passati da 2800 euro a 3200 euro annui, iva aumentata di un punto e spazio d’aria sempre più costoso”.

Nel frattempo la polemica continua anche sul web: l’ex sindaco NIno Augello, dalla sua pagina del social network Facebook, invita i cittadini ad intraprendere iniziative di protesta. Ecco le sue parole (che noi non condividiamo): “Boicottateli , consumate a casa prima di uscire, organizziamo una giornata NO AL BAR. chiediamo sempre lo SCONTRINO FISCALE”.

Voi cosa ne pensate?