“Eraclea Minoa”: poesia di Baldo Gurreri
Condividi questo post

Povira principessa, tutta scarmigliata,
cu li capiddri all’aria e la vesta strazzata.
Eratu beddra e di virdi ricca,
ora lu mari, quasi pi ripicca,
ti rusica li pedi, e ti fa affllitta.
Nuddru di tia si piglia cura
e ti lassanu sula a la vintura…
Lu straniu chi viniva di luntanu,
ristava ammiratu pi tanta billizza.
Ora si arridutta comu un taganu,
chinu di pirtusa pizza pizza.
Mi torna ‘mmenti un fattu stranu:
di chiddru ca si misi pianu pianu
e si mangia tutta ‘a so ricchezza.
Ora ca si cerca di sanari ‘stu dannu,
veni difficili riparari ‘u malannu.
Fini ca , mentri ‘u medicu studia,
‘u malatu a passu lentu, si fa la via!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published.