Eraclea Minoa. “Era la più bella spiaggia del mondo”
Condividi questo post

Cadono e muoiono!!! Era la più bella spiaggia del mondo!!!

No, non è una poesia, ma il “grido” di dolore di una persona che da anni vive e lavora proprio a ridosso della spiaggia di Eraclea Minoa. La persona in questione è Roberto Ragusa del Lido Garibaldi che oggi ha commentato così su Facebook postando alcune foto che mostrano il continuo declino e abbandono di quella che è stata una delle più belle spiagge della Sicilia.

 

 

Situazione attuale spiaggia ERACLEA Minoa????…questa…non ci sono parole…stato di abbandono ,,sporcizia …e pericoli di alberi che cadono…purtroppo…

A commentare così, sempre su Facebook, anche Giovanni Augello titolare dello stabilimento balneare Lido Bellevue condividendo alcune foto che mostrano Eraclea Minoa con sempre meno spiaggia e meno pineta dovuto all’inesorabile erosione della costa.

Eraclea Minoa è “ammalata” da tempo e ha bisogno di cure immediate. Ecco cosa affermava nel 2007 il geologo NIcola Messina riguardo l’erosione della nostra spiaggia:

Il complesso meccanismo di erosione costiera innescatosi negli scorsi decenni sul litorale di Eraclea Minoa ha portato ad una scomparsa graduale e continua dei depositi sabbiosi di retro spiaggia, ad esempio le dune costiere, il cui ruolo era quello di assorbire, in occasione di mareggiate, l’azione erosiva del moto ondoso.

Questo processo distruttivo – spiega il geologo – è aggravato da un bilancio costiero deficitario, in quanto i processi di ripascimento naturale della spiaggia sono stati rallentati se non completamente bloccati dagli interventi, di estrazione di inerti e cementazione degli alvei, eseguiti negli scorsi decenni sui corsi d’acqua che sfociano in questo tratto del mediterraneo. Oggi sia la spiaggia di Eraclea Minoa che il tratto di falesia che la congiunge a Capo Bianco subiscono un arretramento progressivo ad ogni mareggiata, poiché l’azione del moto ondoso – spiega Nicola Messina – non è più regimata dall’attuale morfologia costiera. Il fenomeno ha assunto già un carattere irreversibile e sono a questo punto indispensabili interventi di tipo ingegneristico”.

Da (troppo) tempo si aspettano interventi di ripascimento e di realizzazione delle barriere frangiflutti per limitare i danni causati dall’erosione, ma  intoppi burocratici di ogni genere hanno impedito fino ad ora di salvare il salvabile. A Eraclea Minoa nel frattempo “Cadono e muoiono”.

SOSTENITORI

  • 2G
  • bellevue
  • cento passi
  • gambino
  • al casale
  • BAR MODERNO
  • sajeva
  • terra nostra
  • CONAD
  • piro
  • floreal
  • baglio
  • MAGAZZU
  • argento
  • pennino
  • BAGLIU
  • servii postali

Leave a Reply

Your email address will not be published.