Condividi questo post

dal libro ” POETI POPOLARI DI CATTOLICA ERACLEA” di Lorenzo Gurreri

E’ nato a Cattolica Eradea il 28 marzo 1833, da Saverio Di Lucia (il cognome Di Lucia si è trasformalo in Lucia) e da Gesua Fregapani. Il padre era fabbro ed a questo mestiere iniziò il figliolo fin dal! ‘infanzia. La sua era una delle tante poverissìme famiglie che popolavano Cattolica Eradea nel diciannovesimo secolo. La quasi totalità dei ragazzi non frequentava alcun tipo dì scuola; all’età di sette-otto anni venivano avviati alla conoscenza di un mestiere. Avvenne così anche per Santo Lucìa, che, pur mostrando grande intelligenza fin da piccolo, rimase analfabeta.

Esercitò tanti mestieri, iniziò col fare quello paterno del fabbro, a cui fece seguire in gioventù quello di agricoltore. Dopo il matrimonio con Giuseppa Campisi, celebrato nell’anno 1858 e successiva nascita dei figli: Gesua (1859), Saverio (186!) e Paolo (1864) al duro lavoro dei campi, insufficiente a procurare i necessari mezzi di sostentamento per tutta la famiglia, aggiunse quello dì venditore ambulante di carbone ed aceto. Girando per le strade dei paesi della provincia di Agrigento, recitava le sue poesie, spesso frutto d’improvvisazione.

Così facendo, riusciva a procurarsi amici, ammiratori e clienti. I suoi versi e i suoi canti,furono conosciuti, apprezzati e a volte imitati da poeti dei paesi vicini, il nostro poeta aveva un dono particolare: parlava e dava consigli in versi, facendosi apprezzare per saggezza e bontà d’animo. Santo Lucia, dopo avere conosciuto gioie e dolori, fede e speranza ed ogni altro sentimento, proprio dell ‘uomo popolare, è morto nell’anno 1917.

Ecco una delle sue più celebri poesie: SARVI RIGINA

Salvi rigina, o matri addulurata, firuta di ‘na spata, assa’ tiranna!

Cu è ca nun s’affanna, accussì vidennu a tia, o bedda matri mia, abbannunata!

Oh Matri Addulurata! Chi pena chi sintistivu, quannu a Gesù vidistivu agunizzanti!

Oh! Quanti amari chianti di l’occhiu vu’ virsastivu quannu a Gesù guardastivu in cruci estintu!

Mi sentu mezzu spintu stu cori a lacrimari, cu vui vurria pinari o gran Signura!

lu chianciri vurria ogn’ura pi l’empiu me’ piccatu, pirchì la morti ha datu all’Omu Diu!

Tu chianci cori miu, ca tu ragiuni nn’hai e nun cissari mai finu a la morti!

E po’ ‘na bedda sorti si la putemu aviri, cuntritu di muriri comu fui natu!

Sempri l’haiu spiratu viniri l’arma mia ‘n celu cu vui Maria, ‘n paradisu!

Mi l’aviti prumisu e mi l’aviti a dari; Vu’ cci avit’a pinsari o bedda Matri.

St’armuzza saria cuntenti di quannu ‘n celu arriva Maria ludamu evviva l’Addulurata.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.