Diario di un emigrante

DIARIO. Desideri ed emozioni di ieri e di oggi

DIARIO. Desideri ed emozioni di ieri e di oggi
Condividi questo post

Dal “Diario di un emigrante” di Francesco Mulè Desideri ed emozioni di ieri e di oggi Non c’è uomo su questa terra che non coltivi un desiderio in cuor suo e non c’è epoca in cui sia venuto meno in ciascun essere vivente il forte desiderio di crescita, di felicità, di miglioramento materiale e di […]

Diario di un emigrante: il telefono dei ragazzi anni Cinquanta

Diario di un emigrante: il telefono dei ragazzi anni Cinquanta
Condividi questo post

di Francesco Mulè Era il 1951. Frequentavo la prima media presso l’Istituto scolastico “Ezio Contino” di Cattolica Eraclea. La scuola era attigua al campo sportivo della GIL. Erano giorni di nuove conoscenze, solo maschili, per quei tempi. Sì. Perché le classi non erano ancora miste. Solo maschili e solo femminili. Ci si sedeva su banchi […]

Diario di un emigrante. La “putìa” della famiglia Decidue

Diario di un emigrante. La “putìa” della famiglia Decidue
Condividi questo post

Ricordo ancora. Non potrò mai dimenticare quanto il lontano mio passato abbia potuto condizionarmi e (in)volontariamente trascinarmi nel mondo della poesia. Vivevo ancora la tenera età della fanciullezza presso le scuole elementari attigue alla ex sede del carcere di Cattolica Eraclea. Insegnante dalla prima alla terza, la maestra Francesca De Michele; in quarta e quinta […]

La lontananza: male incurabile

Condividi questo post

Era l’anno 1987. Io e mia moglie decidemmo di scendere, per le vacanze estive, in Sicilia per rivedere i nostri cari e, con loro, i nostri paesi: Cattolica Eraclea e Naro, dove è nata mia moglie. Con i miei figli, Flavio e Giusy, rispettivamente di 11 e 7 anni, partimmo con il Ford Sierra per […]

Rosa e il peperoncino, dal diario di Francesco Mulè

Condividi questo post

È certo ed è vero che “con l’età arriva il senno”. Almeno, così dice un vecchio motto popolare. Ed è assolutamente più che scontato. Perché, ne sono sicuro, con gli anni non si fanno più certe stupidaggini o insensatezze. Veniamo, adesso, all’episodio di qualche tempo fa. Con la mia famiglia vivevo in corso Regina Margherita, […]

Che tempi, quelli!

Condividi questo post

di Francesco Mulè Erano giorni di studi intensi. Lo erano e lo furono. Ci si impegnava con tanto vigore e tanta forza di portare a compimento il nostro sogno. Quale? La liberazione dal nozionismo dei libri e la realizzazione di quelle che erano le nostre ambizioni. Entrare nel mondo del lavoro nel più breve lasso […]

Diario di un emigrante interno:La mia vecchia scuola

Condividi questo post

Eravamo ai primi giorni di scuola alla “Ezio Contino” di Cattolica Eraclea. Frequentavo la I^ media. Non era ancora al completo il corpo docente, per cui, si sa, in questi casi si presenta sempre solo qualche insegnante che, possibilmente, non ti seguirà per l’intero anno scolastico. Un giorno di quell’anno si presenta il preside dell’Istituto […]

Diario di un emigrante interno: I miei giochi

Condividi questo post

Erano altri tempi. Tempi di miseria, di malessere, di noia. Soprattutto di noia. Perché non esisteva modo di vivere diversamente la vita. Le giornate scorrevano molto lentamente. Le occupazioni principali si limitavano alle solite mansioni giornaliere. La donna, moglie e mamma, per lo più casalinga, era dedita alle faccende domestiche: lavare, stirare, rammendare, badare ai […]

Diario di un emigrante interno: La Piazza

Condividi questo post

Che valore diamo alle piazze? Un’importanza estrema per chi le ha vissute percorrendole quotidianamente e attraversandole in lungo e in largo con amici, parenti e conoscenti. Momenti ed emozioni indescrivibili che hanno segnato la storia della mia permanenza a Cattolica Eraclea (non dico mai solo Cattolica – in provincia di Forlì- ma pronuncio sempre per […]